Dal 01-09-2019 il presente sito "www.icsospiro.it" resterà attivo solo come archivio dati per le pubblicazioni fatte prima del 01-09-2019

Dal 01-09-2019 il nuovo sito è "www.icsospiro.edu.it"

Progetto di integrazione delle diversità e dell'handicap

Send by emailVersione PDF

L’inserimento nella scuola degli alunni in situazione di handicap è finalizzato alla  loro piena integrazione. Questo obiettivo viene perseguito quando ad essi viene offerta ogni possibile opportunità formativa, consentendo al singolo individuo il pieno sviluppo delle proprie potenzialità.
E’ necessario, quindi, organizzare l’attività scolastica in modo che le diversità siano accettate e valorizzate per assicurare, nel rispetto dei tempi e degli stili di ognuno, il conseguimento delle competenze minime.
Per gli alunni in situazione di handicap viene predisposto un “Piano educativo individualizzato” in collaborazione con la famiglia e l’èquipe sociopsicopedagogica del servizio territoriale di Neuropsichiatria Infantile.
Tale documento è preceduto da una rilevazione dei bisogni formativi, condotta dagli insegnanti nel primo periodo scolastico, attraverso un’osservazione dell’alunno e del contesto classe.
All'inizio dell'anno scolastico, infatti, i docenti specializzati e gli insegnanti coinvolti reperiscono informazioni attraverso:

  • l'osservazione diretta degli alunni in situazioni strutturate e non;
  • il colloquio con le famiglie;
  • l’incontro con l'équipe sociopsicopedagogica;
  • il profilo dinamico funzionale.

Queste informazioni vengono annotate sul "Quaderno dell'integrazione”.
Una volta individuate le capacità e le potenzialità dell'alunno, viene stilato, a cura dell'insegnante di sostegno, in collaborazione con i docenti dell’ equipe pedagogica, il PEI (piano educativo individualizzato).
I docenti predispongono le attività e stendono i progetti di intervento rispettando quanto scritto nel PEI.
Nei progetti d'intervento vengono definiti:

  • le attività da proporre
  • i mediatori didattici utilizzati
  • gli spazi, il tipo di organizzazione didattica e gli strumenti utilizzati
  • le osservazioni e le valutazioni.

In sede di progettazione delle attività didattiche, inoltre, l'insegnante di sostegno si confronta con i colleghi interessati presentando il PEI ed i progetti di intervento individuati allo scopo di apportare eventualmente modifiche al percorso stabilito.
La valutazione sul percorso progettato viene fatta:

  • in base agli obiettivi personalizzati;
  • alla fine di ogni quadrimestre.

Gli esiti e le osservazioni vengono annotati, in modo sistematico, sul "Quaderno  dell’integrazione” dall'insegnante di sostegno.
Il PEI viene rivisto ed aggiornato sulla base degli esiti raggiunti ed in collaborazione con l' équipe  sociopsicopedagogica.
Alla fine dell'anno scolastico, i docenti stendono una relazione scritta sugli esiti raggiunti dagli alunni e sul percorso sviluppato ed allegata al "Quaderno dell'integrazione scolastica".

AllegatoDimensione
VERIFICA PEI.pdf5.3 KB
VERIFICA PEI.doc21.5 KB